domenica 16 marzo a.d. 2014 – la via dei pellegrini: in bicicletta al Santuario di Montevergine (AV)-

  • page
    ESCURSIONE IN BICICLETTA (bici+auto o bici+treno o solo bici)
    INFORMAZIONI UTILI
    Guida: Claudio Caccavale 329/7023520

    si prega di dare conferma di partecipazione alla guida entro sabato 15 marzo ore 16,00

    Solo bici: (pellegrinaggio con martirio!)
    Appuntamento: ore 7.15 in piazza Garibaldi presso HOTEL TERMINUS – partenza: ore7.30 precise!!
    Arrivo previsto a Mercogliano per la salita al Monte in bici: ore 10.30:
    percorso totale andata e ritorno da Napoli: km. 150 – dislivello totale: m. 1500 circa – difficoltà (***** estrema).

    Bici+treno: (pellegrinaggio impegnativo)
    chi non volesse utilizzare solo la bici può utilizzare la ferrovia circumvesuviana da Napoli a Baiano risparmiando su AR 80 Km), è consigliabile partire da Napoli p.zza Garibaldi e non dal terminal. Difficile ****

    Bici+auto: (pellegrinaggio semplice)
    è consigliabile mettersi d’accordo in più ciclisti per ottimizzare il trasporto bici+auto
    Appuntamento: 10,30 piazzale funicolare di Mercogliano (AV) alle falde del Montevergine. Molto impegnativo ***

    Partenza in bici per la salita al Montevergine da Mercogliano: ore 11.00:
    percorso totale in bici A.R. km. 32 di strada asfaltata – dislivello m. 800 circa – difficoltà (*** elevata).
    Per i parenti, gli accompagnatori è possibile utilizzare la funicolare.

    Rientro previsto a Napoli: ore 15.30 per chi ha l’auto e ore 18.00 per i ciclisti duri e puri.

    La salita: Da Mercogliano (quota 550 m.) la strada sale per circa 15 Km., caratterizzati da numerose curve e tornanti, verso il Santuario posto a 1263 m. di quota. L’ascesa in bici da Mercogliano verso il Santuario ha tempi di percorrenza da 1,30 a 2 ore (il primo che arriva paga da bere per tutti: il BAR c’è!!).

    Percorso e profilo altimetrico; clicca
    http://www.openrunner.com/index.php?id=2310990

    Abbigliamento consigliato: Pantalone da ciclista lungo, maglia intima di lana manica lunga (maglia della salute) giubbino antivento, scarpe chìuse invernali (da evitare quelle sportive in gomma o tela) guanti lunghi imbottiti e soprattutto un buon CASCO, e per gli scaramantici un buon ..cornetto!.
    La bicicletta: Una controllata allo stato della vostra amica bici non fa male, soprattutto per quello ai freni e relativi cavi. Un mezzo meccanico curato e un buon viatico per passeggiata tranquilla.
    Raccomandazione: Portate con Voi qualcosa di energetico da mangiare durante l’ascesa. Ottima la frutta secca (miele, albicocche, uva sultanina ecc.), la cotognata, tortine al miele , (le barrette energetiche da ciclista costano di più e hanno lo stesso effetto della frutta secca…e a volte neanche!!). Si sconsigliano i peperoni e le melanzane. Non dimenticate l’acqua, la bevanda più dissetante che sia mai stato inventata! SPIRITO D?AVVENTURA!
    La discesa: è caldamente consigliata la massima prudenza perché ci si potrebbe trovare in presenza di ghiaccio o asfalto viscido. Quindi velocità moderata in bici (e anche in automobile !).
    Buon divertimento: non siamo ad una gara perciò rilassatevi e godetevi il paesaggio e la soddisfazione di arrivare in cima il più in forma possibile. Se necessario fermatevi in un punto dove non create impaccio alla viabilità e riposatevi fino a quando sarete pronti a ripartire !

    Notizie storiche: il santuario originario del Montevergine, nella catena montuosa del Partenio, provincia di Avellino, fu innalzato da Guglielmo da Vercelli, che lo dedicò al culto dì Maria, in un periodo che va dal 1119 al 1124. Nel 1952 iniziarono, su disegno di Florestano di Fausto, i lavori dì costruzione della nuova basilica terminati nel 1961. Caratteristico del culto della VERGINE sono ì numerosissimi ex-voto, doni in argento raffiguranti organi dei corpo umano o pitture semplici ma estremamente evocative, portati dai fedeli che hanno ricevuto delle grazie; si possono ammirare nel corridoio che porta al salone delle offerte, sulla sinistra dell’ingresso principale. Famosissimo il ritratto della Madonna di Montevergine, detta dai fedeli “MAMMA SCHIAVONA”, posto sul “Trono della Madonna” nel Presbiterio.

    __________________________________________________________________

    CICLOVERDI – ciclisti urbani e cicloescursionisti www.cicloverdi.it email: cicloverdiposta@gmail.com

    Sede Legale: CICLOVERDI – Largo Proprio d’Avellino 8 – 80138 Napoli – tel. 081291184 fax 0817672974

    Cellulari – 3337188318 (Antonio Daniele, presidente) – 3396171703 (Maria Muscarà segretaria)

    Sede di riunione: Via San Liborio 1 (adiacenze P.zza Carità) – citofono 1015 (GAN)

    (Ci riuniamo tutti i mercoledì ore 20.00 – 22.00 ( 0815529002)

Piazza Garibaldi, 80142 Napoli

bici-visita al Museo ferroviario di Pietrarsa Domenica 9 febbraio 2014

Guida Titti Vollero 3396795037 ** facile per tutti i tipi di bici

Appuntamento ore 9,30 piazza Dante

partenza ore 10,00 per Pietrarsa

percorrendo via Toledo, via Marina , via Reggia di Portici, Corso S. Giovanni, Pietrarsa.

All’arrivo deposto bici in area interna al Museo (portare comunque lucchetti)

ingresso soci euro 5 con guida offerta dall’associazione (euro 3,50 se < 65 anni e > 18 anni)

ingresso non soci euro 7 con guida

oppure euro 5 senza guida.

Facoltà di rimanere nel parco del Museo fino alla chiusura (ore 16,00) anche dopo la visita guidata per fare colazione al sacco o pizza acquistabile in loco; All’ interno del Museo vi sono spazi verdi ed una passeggiata a mare.

link clicca >>>> QUI

pietrarsa (1)

Un affascinante viaggio nel tempo tra le locomotive e i treni che hanno unito l’Italia dal 1839 ai nostri giorni, in 170 anni di storia delle Ferrovie italiane. È questa l’esperienza che regala ai visitatori di ogni età il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa. Un museo diverso, aperto alla curiosità dei giovani e di tutti coloro che vedono nel treno uno strumento insostituibile per il futuro del trasporto pubblico. Pietrarsa è uno dei luoghi simbolo della storia delle Ferrovie dello Stato, un ponte teso tra passato e presente che congiunge idealmente la Bayard ai sofisticati e velocissimi treni dell’Alta Velocità.

Adagiato tra il mare e il Vesuvio, con una spettacolare vista sul Golfo di Napoli, il Museo è stato allestito, dopo accurati interventi di restauro conservativo, in uno dei più importanti complessi di archeologia industriale italiana: il Reale Opificio MeccanicoPirotecnico e per le Locomotive, fondato da Ferdinando II di Borbone nel 1840. Una sede espositiva unica nel panorama nazionale che, per la suggestione degli ambienti e la ricchezza dei materiali conservati, rappresenta uno dei più importanti musei ferroviari d’Europa. Il Museo è stato inaugurato nel 1989. Si sviluppa su un’area di 36mila metri quadrati, di cui 14mila coperti. All’esterno, nel vasto piazzale spalancato sul mare si erge la grande statua in ghisa di Ferdinando II. Alta più di 4 metri e fusa nell’Opificio nel 1852, ritrae il sovrano che ordina con gesto regale la fondazione delle Officine e sembra vegliare soddisfatto sulla sua preziosa creatura.


LE GRANDI BELLEZZE! napoli , donne e bici 8 marzo 2014

VOLETE PARTECIPARE MA NON AVETE ANCORA LA BICI?quale migliore occasione per provare gratuitamente

le biciclette SCHIANO ? prenotate la vostra bici   al 3396171703 o al 3396795037

e la troverete pronta scattante ad aspettarvi sabato mattina!
8 marzo passeggiata sul lungomare appuntamento a Piazza Vittoria.
Ci sarà anche il nostro gazebo con tante sorprese e omaggi per le donne per chi vuole informazioni o iscriversi e sostenerci.
Nella tarda mattinata organizzeremo anche una passeggiata, tutti insieme andando a Posillipo,Nisida e verso Pozzuoli.
Informazioni:
Titti Vollero 3396795037
1506935_229872860549958_1943461625_n

Ciclopedalata da Agropoli ad Ascea 9 marzo 2014

Domenica 9 marzo, ci incontriamo alla Stazione centrale di Napoli(biglietteria) alle ore 8,15(massimo)per partire con il treno per Agropoli delle 8,50(costo € 11,60 fascia 8 Unico Campania Week end-la bici non paga).il treno è il n.34509 da Napoli ad Agropoli.

Il percorso, di circa 40 Km.,per tutti i tipi di bici,partirà da Agropoli via Santa Maria di Castellabate,S.Marco di Castellabate, Agnone, Acciaroli(sosta per colazione a sacco) e si prosegue per Pioppi,Marina di Casalvelino e arrivo ad Ascea Marina.

Il rientro è previsto con il treno da Ascea con partenza delle 15,16 o 17,18(durata circa oltre 2 ore).
Il treno delle 17,18 è predisposto ed organizzato per accogliere tutte le biciclette.
La difficoltà del percorso è da considerarsi medio/alta(su asfalto).
Si raccomanda la bici in ordine con camera d’aria di ricambio e caschetto obbligatorio.
Si deve confermare alla guida della propria partecipazione entro sabato alle ore 17,00.
Guida: Stefania Bressan 348 8452442

http://www.gpsies.com/map.do?fileId=bzzhglvseccxrxwaG4-Scavi-di-Velia-Ascea
Guida: Stefania Bressan   348 8452442

bike to school venerdì 28 febbraio 2014 piazza san domenico maggiore

Questa è un’iniziativa spontanea di genitori che si organizzano per accompagnare a scuola i propri figli in bicicletta, pedalando insieme in sicurezza, semplicemente per promuovere l’uso della bici come mezzo di spostamento in città.

Andare a scuola in bicicletta è un’esperienza meravigliosa per i bambini, oltre che un loro diritto, ma nelle grandi città intasate dal traffico mattutino è molto difficile.

La formula del “Bike to School” permette di riappropriarsi degli spazi stradali in sicurezza, grazie anche alla collaborazione di ciclo-attivisti volontari che scortano i gruppi di genitori e bambini.

1901592_10201796251923784_479059153_n

Bici+treno nel Parco del Cilento….BAGNO D’ INVERNO! domenica 23 febbraio

 Domenica 23 Febbraio 2014
In Bici MTB + treno Nel Parco Nazionale del Cilento….

                  BAGNO D’ INVERNO…..(adventure cicloverdi group)
                     (solo per mountainbike con ruote tassellate)
                 Guida Mimmo Fiorito 348 58 38 404:  fioritodomenico2@gmail.com
                         Difficolta’ alta **** per  Mountain Bikers con esperienza fuori strada – totale Km. 60 (6 km di sterrato)
 cilento_18_0047_rs_0
Prenotazione obbligatoria:   Comunicare alla guida Mimmo  348 58 38 404 la vostra partecipazione entro le ore 20 di sabato 22 Febbraio 2014.
Appuntamento:  Domenica febbraio ore 7.00  Stazione Napoli Centrale
Partenza : ore  7.35 Treno n° 3455 per Centola (la bici la domenica non paga)
Arrivo : ore 10.05 Stazione Centola SA  colazione bar davanti alla stazione.
Partenza in bici: ore 10.20 in Bici per Palinuro e Marina di Camerota e Baia Pozzallo
Arrivo in bici : ore 12.00 Baia Pozzallo per bagno (…obbligatorio!? per i piu’ duri)
Picnic nella Baia di Pozzallo
Partenza per ritorno : ore 14.00 da Pozzallo per Marina di Camerota e sosta Caffe’.
 e poi per Palinuro stazione Pisciotta-Palinuro.
Partenza treno : ore 17.11 Treno  n° 2432 per Napoli arrivo 19.40
Poiche’ la linea ferroviaria a Torre Annunziata e’ interrotta il treno fara’ un percorso interno per arrivare a Salerno e Centola e non tutti i treni fanno questa deviazione pertanto all’ andata e’ confermato, mentre per  il ritorno avremo conferma domenica mattina quale dei due treni, 17.11 oppure treno successivo dopo circa 1 ora per cui l’arrivo a napoli è previsto tra le 20 e le 21.
IMPORTANTE:  Solo Bici Mountain Bike in perfette condizioni con camera d’ aria di scorta,
                              Acqua e colazione a sacco per Pic Nic in spiaggia, lungo il percorso non e’ possibile trovare negozi aperti di domenica ma solo alcuni Bar.
                              Costume da Bagno obbligatorio nella Baia di Pozzallo. Impermeabile da Bici ma
                              per fortuna domenica non e’ prevista pioggia
Costi: Biglietti UNICO WEEKEND  Fascia 8 valido andata e ritorno Euro 11,60 e valido anche per la metro e funicolari a Napoli
 U10_153
Prenotazione:   Comunicare alla guida Mimmo  348 58 38 404 la vostra presenza  entro le ore 20 di sabato 22 Febbraio 2014.

ciclisti urbani e cicloescursionisti