Cicloverdi al tavolo comunale per il rilancio di Capodimonte

unnamedPresto diventerà un nuovo attrattore per il turismo fuori dalle mura grazie ai progetti di riqualificazione dei borghi Vergini e Sanità e ai nuovi mezzi di collegamento. Da via Foria alla Collina di Capodimonte per visitare parco e museo, ma anche per vivere la zona, che ha tanto da offrire dal punto di vista storico, culturale e artistico. Se ne è discusso assieme a tante altre associazioni nel corso dell’incontro “Idee e proposte Green per la Collina di Capodimonte, i due antichi borghi, il suo territorio” promosso dal Gruppo Ecologista Europa Napoli assieme alla Municipalità 3 Stella San Carlo All’Arena e di intesa con la direzione del Museo e il Real Bosco di Capodimonte. Gli interventi sono stati aperti dai saluti del direttore del museo Sylvain Bellenger e moderati dal portavoce di Green Italia Campania Carmine Maturo. A noi FIAB Napoli Cicloverdi interessa soprattutto un efficiente piano di mobilità sostenibile sull’intero territorio urbano e metropolitano. Abbiamo appreso dai relatori della conferenza che ci sono molte ipotesi in campo per rendere agevole l’arrivo a piedi, in bicicletta e con il trasporto pubblico alla zona del polo museale: l’istituzione delle zone “30” nei pressi delle aree urbane a ridosso di Porta Grande e Porta Piccola e di una linea di filobus elettrici, l’installazione di scivoli lungo le scale del tondo di Capodimonte per portare su e giù le bici senza troppa fatica. Tante anche le istanze presentate dalle altre associazioni al vicesindaco Raffaele Del Giudice, che si è impegnato ad attivare subito un tavolo al Comune per concretizzare la riqualificazione della zona con evidenti ritorni in termini di vivibilità e sviluppo economico e sociale di tutta l’area. Noi ci saremo.